LA MIA ESPERIENZA CON LA COMUNITÀ ASSUNZIONISTA DI PLOVDIV IN BULGARIA

 

Quando il mio migliore amico Eynar, volontario presso la comunità assunzionista di Plovdiv, mi ha proposto di venire a trovarlo in Bulgaria durante le mie vacanze, non avrei mai immaginato che questo viaggio potesse diventare una grande esperienza per la mia vita spirituale e personale.

Sono arrivato da un paese lontano (il Messico), non conoscendo né la lingua né le persone. Nonostante questo sono stato subito accettato come uno di loro e durante questo tempo vissuto con gli Assunzionisti della comunità di Plovdiv, ho cominciato a scoprire diversi messaggi del Signore per me.

Prima di tutto ho fatto l’esperienza del valore dell’umiltà.

Quando sono arrivato qui, i criteri abituali del mondo materialista: età, studi, capacità, esperienza, sono spariti e attraverso i differenti piccoli servizi che ho reso, ho potuto comprendere che il valore di una persona è legato a quello che può donare e nello stesso tempo, in questo trova la sua ricompensa.

La mia ricompensa è stata quella di condividere la sapienza, la preghiera e le conoscenze dei Padri, la benevolenza e l’amore per il lavoro delle Suore, l’entusiasmo dei giovani e l’amabilità di tutta la comunità.

Qui, nella comunità, dove il lavoro e la ricompensa sono vissuti in uno spirito di gratuità, ho fatto l’esperienza di vivere come Gesù ci invita a fare; così si dovrebbe vivere in tutta la società umana!

Vivere la Divina Liturgia del rito orientale, ha costituito un’ altra esperienza molto importante, soprattutto per il fatto che io vengo da un paese ricco di simbolismo.

L’importanza delle icone, la solennità delle celebrazioni mi hanno permesso di vivere in contato col Signore e di sapere che Egli, qui con noi nell’Eucaristia, condivide con noi la sua Santità e ci dona le sue benedizioni.

Non solo! Ho avuto la grande fortuna di essere qui per la celebrazione dei tre beati martiri della parrocchia e spero che il loro esempio possa aiutarmi per il cammino futuro.

Partirò con dei grandi ricordi: il sorriso e la gioia dei ragazzi che ho visitato con le suore di Madre Teresa e la gioia delle suore; la soddisfazione di aver partecipato con i giovani alla presentazione di un piccolo lavoro teatrale in occasione della commemorazione dei tre beati martiri; il tempo passato con altri fratelli e amici che sono venuti dalla Romania e dall’Italia; e il fatto di poter condividere un po’ della mia cultura attraverso la preparazione di un pranzo messicano e attraverso la presentazione delle nostre tradizioni in occasione della festa di Ognissanti e del giorno dei morti.
Sono convinto di aver vissuto un’esperienza riservata a coloro che sono chiamati dal Signore e questa è stata per me una fortuna.

Prego perché altre persone possano vivere un’esperienza come la mia, in una comunità Assunzionista e che in questo modo si consolidi l' alleanza tra laici e l’Assunzione per il servizio del Regno di Dio.

Voglio ringraziare profondamente tutta la comunità e prego Dio perché la riempia delle sue benedizioni
 

Jorge Ramon Abascal
 

HOME