13 novembre. Per non dimenticare che…

 

Il 13 novembre la Chiesa intera festeggerà la memoria dei nostri tre martiri bulgari. I fratelli e le sorelle dell’Assunzione, sono chiamati in modo speciale a mettere in risalto questo avvenimento. Qual è la sua importanza nella vita attuale delle comunità di tutta la famiglia dell’Assunzione?

Come cristiani e come religiosi noi annunciamo e testimoniamo al mondo che la storia dell’umanità è comprensibile pienamente, solo alla luce dell’incontro di Dio con l’uomo. Tutta la Bibbia e la storia della Chiesa, sono l’evidenza di questo incontro. I Padri Kamen, Pavel e Josafat fanno parte di questa verità concreta e verificabile. Non erano degli eroi. Erano semplicemente dei fratelli che si sono trovati a testimoniare la presenza di Dio nella loro vita, in un luogo ed in un momento, in cui l’uomo rifiutava violentemente, di accettare l’evidenza del suo destino. La memoria cristiana non è un ricordo del passato, ma la valorizzazione di un avvenimento, capace di trasmettere la forza e la ricchezza del dono di Dio ai cristiani d’oggi. Noi, fratelli e sorelle della comunità di Plovdiv, abbiamo la fortuna di vivere negli stessi luoghi dove hanno vissuto i nostri fratelli martiri e per questo, siamo chiamati in modo particolare, a custodire e a rendere “visibile” la loro memoria. Dio li ha scelti come esempio per tutta l’Assunzione. Un esempio che parla soprattutto di unità fondata sull’amore di nostro Signore Gesù Cristo: unità nelle nostre comunità, nella Chiesa, nel mondo intero. Unità fondata sull’amore della croce, un amore che si dona senza riserve. Può darsi che i nostri fratelli martiri non fossero degli eroi, ma erano certamente degli uomini d’amore. A ognuno e ognuna di voi, fratelli e sorelle dell’Assunzione, noi auguriamo di vivere la vostra vita come la loro.

Fraternamente

La comunità di Plovdiv

Home