La festa dei tre martiri bulgari a Plovdiv

 

La commemorazione dei tre martiri bulgari assunzionisti è stata l’occasione per tutta una serie di iniziative che ci hanno aiutato a vivere una profonda comunione spirituale con i nostri beati.

Una novena di preghiera ci ha introdotto giorno dopo giorno nel clima di festa e di raccoglimento. Quest’anno abbiamo avuto la gioia di accogliere tra noi il P. Iosif e il P. Catalin dalla Romania, accompagnati da fratel Gwenael e quattro giovani della comunità di Margineni.

Dall’Italia ci ha raggiunti P. Giuliano, rinnovando così il gemellaggio che da qualche anno unisce la comunità di Plovdiv a quella di Firenze.

Le manifestazioni sono iniziate con la presentazione di una mostra consacrata al periodo del terrore comunista e realizzata in gran parte a partire dall’opuscolo pubblicato nell’anno 2000 in occasione della beatificazione dei nostri padri.

Domenica 11 novembre, abbiamo celebrato una messa solenne che ha visto la partecipazione di numerosi parrocchiani e dei bambini del catechismo.

Questi ultimi hanno lette delle preghiere di intercessione e hanno cantato l’inno composto in onore dei tre martiri. I nome di Pavel, Kamen, Josafat e Eugheni (il vescovo passionista fucilato con i nostri padri e beatificato nel 1998) sono risuonati più volte nella chiesa mentre i loro ritratti venivano posati davanti all’iconostasi.

Dopo la liturgia,con una ventina di persone, ci siamo incamminati verso il centro città per portare dei fiori e recitare alcune preghiere davanti al monumento del P. Kamen fatto costruire in suo onore dagli ex alunni del collegio in cui aveva insegnato.

Nel pomeriggio i giovani della parrocchia di Kuklen ed un certo numero di parrocchiani, hanno preso parte ad un momento di adorazione preparato da suor Eugenia ed Eynar, il giovane postulante della nostra comunità.

Martedì 13 novembre,giorno ufficiale della festa, abbiamo celebrato solennemente la divina liturgia,presieduta dal nostro vescovo Msg. Xristo Proikov.

Erano presenti una decina di sacerdoti. Il bacio delle reliquie e una piccola processione all’esterno della chiesa hanno concluso la celebrazione.

Il clima di gioia e convivialità ha rallegrato e riscaldato una giornata metereologicamente piuttosto fredda.

Durante il tempo del suo soggiorno tra noi, P. Giuliano ci ha predicato un breve ritiro spirituale. Il tema, evidentemente,non poteva che essere quello del martirio.

Grazie a tutti i fratelli che ci hanno scritto e si sono uniti a noi, in occasione di questa festa.

Che lo spirito di santità dei nostri tre martiri possa effondersi abbondantemente su tutta la famiglia dell’Assunzione.

HOME